Iscriviti alla Newsletter

mercoledì 27 dicembre 2017

MIRALEM PJANIC - IL PIANISTA BIANCONERO

Da qualche giorno è disponibile, in esclusiva su Amazon, la mia nuova monografia juventina, stavolta dedicata a Miralem Pjanic, il Pianista bianconero, il numero 5 che dal suo discusso arrivo dalla Roma ha preso le redini del centrocampo juventino. Il libro è disponibile sia in ebook che su cartaceo, quest'ultima edizione è impreziosita da alcuni disegni di Elisabetta Del Medico.
Dalla guerra in Bosnia alla Juventus, la grande avventura umana e calcistica di uno dei più geniali calciatori in circolazione. Miralem Pjanic, il Pianista dei bianconeri, o Il Piccolo Principe della Roma, è uno dei centrocampisti più forti in Europa e nel mondo: classe sopraffina, straordinaria capacità di leggere prima degli altri ciò che succederà in campo, genio dei calci di punizione. 

Link per l'acquisto: www.amazon.it

mercoledì 20 dicembre 2017

GUIDA AL CINEMA DI STEPHEN KING - NUOVA EDIZIONE

Dopo il discreto successo della prima edizione, torna, aggiornata e ampliata, la mia "Guida al cinema di Stephen King". Oltre a essere stata arricchita dalla nuova Prefazione a cura di Luigi Boccia, autore, tra le altre cose, di "Chi è Pennywise? Stephen King e l'uomo nero nella società moderna", questa nuova edizione offre, nella sola edizione cartacea, anche alcune pregevoli illustrazioni di Guido Saporito che immortalano alcuni dei migliori personaggi che ci ha regalato il cinema tratto dalle opere del Re. Il libro, disponibile anche in ebook, è in vendita esclusiva sugli store Amazon.

Pochi scrittori sono riusciti a condizionare il cinema come Stephen King: dagli anni ’70 a oggi, quasi tutti i suoi romanzi sono stati portati sul grande schermo o in televisione, sintomo della straordinaria capacità dell’autore americano di raccontare storie fatte apposta per trasformarsi in immagini. Registi come Brian De Palma, Stanley Kubrick, Rob Reiner e Frank Darabont, solo per citarne alcuni, si sono cimentati nella trasposizione di un libro di King, ottenendo in alcuni casi un successo strepitoso, in altri dando una svolta alla propria carriera. Il primo, nel 1976, fu De Palma che con "Carrie – Lo sguardo di Satana", suo secondo lungometraggio, ottenne il passaporto per la gloria, seguito a breve giro di posta da Tobe Hooper che portò in tv "Le notti di Salem" (1978) e soprattutto da Kubrick e il suo "Shining" (1980), causa di decennali polemiche tra il regista e King, il quale si è sempre dichiarato contrariato della rilettura cinematografica del suo romanzo. Partendo da queste basi, ma andando ben oltre, il libro ripercorre le tappe fondamentali che hanno fatto dell’autore americano uno dei più “sfruttati” al cinema, ma che lo hanno visto anche direttamente coinvolto (sua la regia di "Brivido" così come molte delle sceneggiature di altri film). Corredato dalla Prefazione di Luigi Boccia, dalla filmografia completa e impreziosito dalle interviste al regista Mick Garris ("L’ombra dello scorpione", "Shining" per la tv, "Riding the Bullet" e altri) e alla protagonista di "Cujo" Dee Wallace, questo volume racconta la genesi di tutte le pellicole (o serie tv) tratte da opere di King e le analizza dal punto di vista critico. "Da "Carrie" a "Shining", passando per "Misery non deve morire" e "Under the Dome", fino alla recente nuova trasposizione di IT. Il libro si candida a diventare una vera e propria bibbia per gli appassionati che potranno trovare aneddoti, curiosità e analisi critiche delle pellicole kinghiane, vivisezionate in ogni loro piccolo particolare."

Link per l'acquisto: www.amazon.it

giovedì 5 ottobre 2017

IL NUOVO "IT" DI MUSCHIETTI SBARCA AL CINEMA

Secondo quanto scritto da Stephen King in IT, il pagliaccio assassino torna ogni ventisette anni per reclamare il suo credito di sangue ed esattamente dopo ventisette anni, il capolavoro del Re torna al cinema grazie alla nuova trasposizione firmata da Andy Muschietti. 
Un film atteso in modo spasmodico già all'indomani dell’annuncio, per molti l’atteso riscatto dopo la parziale delusione della mini-serie televisiva del 1990, e che va esaminato, come spesso accade quando ci si trova davanti a un’opera tratta da un romanzo, su due piani diversi: quello cinematografico e quello meta letterario. Se ci soffermiamo sul primo, questo primo capitolo di IT è un ottimo horror che piacerà sia al pubblico giovane che ai più nostalgici, che strizza l’occhio agli anni ’80, che gioca abilmente col contrasto tra luce e buio e che estremizza il rapporto tra “terra” e “sottoterra”. Muschietti costruisce un’escalation orrorifica degna dei migliori cult dei decenni passati e piena di archetipi del genere (dalla casa stregata agli zombie, fino ai fantasmi), puntando soprattutto su un mondo in bilico tra luce e tenebre, tra Inferno e Paradiso, in un costante scambio di ruoli dove la figura di Pennywise, il pagliaccio assassino, è l’ago della bilancia e i Perdenti l’elemento disturbante di questo equilibrio secolare. La Derry di Muschietti è l’anticamera dell’Inferno e Pennywise il suo spietato dittatore.
Se, invece, andiamo ad analizzare il film nell'ottica del romanzo di King, bisogna notare alcuni spiacevoli stonature, a partire proprio dallo spirito del libro del Re. Nel suo IT, King inserisce in un contesto horror, la storia del passaggio all'età adulta di un gruppo di bambini, per cui la battaglia contro Pennywise è il rito d’iniziazione. Come accaduto in altri suoi romanzi, basti pensare a L’ombra dello scorpione, i protagonisti di IT sono degli antieroi che si trovano, loro malgrado, costretti ad affrontare una sfida impari da cui, però, non hanno solo da perdere. Muschietti trascura questo aspetto, trasformando la banda di ragazzini impacciati (oggi si direbbe “sfigati”) in coraggiosi, quanto incoscienti, combattenti. Non c’è più traccia di quell'innocenza e di quell'ingenuità che trasudava da ogni pagina del libro e che perfino nella mini-serie del 1990 era stata rispettata. I Perdenti di Muschietti hanno poco a che spartire sia con quelli del romanzo che con quelli di Wallace che, a suo tempo, era riuscito a rispettare molto del libro, ma era stato tradito da pochi mezzi tecnici a disposizione. Lo stesso Pennywise non ha più quella connotazione ingannevole molto presente sia nel libro che nella mini-serie: se, infatti, Tim Curry era riuscito a fare del suo clown una vera trappola vivente, mantenendo quell'aspetto apparentemente innocente di un pagliaccio, in grado di attirare un bambino con un semplice sorriso o un palloncino, quello voluto da Muschietti e interpretato da Bill Skarsgard è, a tutti gli effetti, un mostro, la personificazione stessa del Male.
In definitiva, questo primo capitolo del nuovo IT giova sicuramente al cinema horror che ne trae nuova linfa, ma in quanto al presunto riscatto rispetto alla prima trasposizione televisiva, non c’è l’effettivo miglioramento sperato, anzi, a tratti, si prova anche nostalgia della miniserie, soprattutto per i personaggi.

giovedì 21 settembre 2017

IL RE COMPIE 70 ANNI

Ognuno di noi, nella propria vita, ha delle persone a cui tiene in maniera particolare. Che siano parenti o amici rientra nella normalità, ma che sia uno scrittore che neppure si è mai incontrato parrebbe per lo meno strano. Eppure è questo il sentimento che molti di noi, amanti di Stephen King, proviamo nei suoi confronti: un amico, un parente, un padre, un nonno, uno Zio che ci ha allietato la vita con i suoi libri. E oggi è un giorno particolare per questo nostro amico, perché il vecchio Steve compie 70 anni, un traguardo che lo rende ancora più importante e che cementa il mio, il nostro, rapporto con lui.
In tutti questi anni, di regali King ce ne ha fatti tanti, sfornando un libro dopo l’altro, una storia dopo l’altra, un capolavoro dopo l’altro. Ci ha aiutati ad affrontare le nostre paure, ci ha parlato di amicizia, di amore e di coraggio, ci ha insegnato tanto quanto avrebbe potuto fare un insegnante. Coi suoi romanzi ci ha fatto vivere vite che mai avremmo potuto apprezzare nella quotidianità, ci ha fatto conoscere personaggi che ognuno di noi porterà nel cuore per sempre, come compagni o amici a cui, ogni tanto, chiedere anche qualche consiglio. Chi di noi appassionati non si è mai ritrovato a chiedersi “cosa avrebbe fatto Bill Denbrough in una situazione del genere?” oppure cosa noi avremmo fatto al posto di Stu Redman o, ancora, a sorridere di fronte a situazioni che il Re ha descritto nelle sue pagine, perché tutto ciò che la mente di King ha creato in questo benedetti settanta anni ha superato qualsiasi ostacolo tra fantasia e realtà.
La dimostrazione di questa sua unica capacità è proprio il tempo trascorso in sua compagnia: io avevo dodici anni quando l’ho incrociato per la prima volta, in un caldo e noioso pomeriggio estivo, quando, aggirandomi per casa, adocchiai nella libreria un volume enorme spiccare tra gli altri. Un libro intonso, appena arrivato dall'allora Club degli Editori e che mi attirò quasi in maniera ipnotica. Per me che, fino ad allora, avevo letto quasi solo fumetti e qualche libricino magari lasciatomi dall'insegnante per le vacanze, quel tomo di oltre mille pagine rappresentò quasi una sfida, soprattutto quando, poi, vidi sulla copertina un bambino avvolto in una mantellina gialla e chino su una barchetta di carta, mentre dal tombino vicino sbucavano degli artigli. Da quel giorno, sono passi trent'anni e salvo un periodo di crisi durato un paio d’anni, King è stato un mio fido compagno di vita e di sogni. È colpa sua se ho cominciato a scrivere, al cinema tratto dai suoi libri ho addirittura dedicato un saggio, è merito suo se da allora i libri, suoi e di tanti altri, hanno rappresentato una costante nella mia vita. E sapere che oggi il Re compie settant'anni, è come scoprire di aver vissuto una vita parallela in cui, forse, c’è un pistolero che mi attende.

lunedì 28 agosto 2017

"PAULO DYBALA: LA JOYA ARGENTINA" - NUOVA EDIZIONE ILLUSTRATA

Da alcuni giorni è on-line la nuova edizione della mia monografia dedicata a Paulo Dybala, nuovo numero 10 della Juventus. Oltre ad aver aggiornato e ampliato il libro e alla nuova copertina, la novità più importante (solo per l'edizione cartacea) è nelle illustrazioni disegnate dall'artista Elisabetta Del Medico che è riuscita a ritrarre la Joya in alcuni splendidi disegni che troverete alla fine di ogni capitolo.

Sinossi: Ventitré anni, una classe sopraffina, un futuro da predestinato: è Paulo Dybala, "La Joya" argentina, nuovo fenomeno del calcio mondiale che da un collegio sudamericano è sbarcato alla Juventus, dopo essere stato il "Picciriddu" preferito dei tifosi del Palermo. In questo libro si racconta la sua storia unica, fatta di sofferenza e di riscatto, di gioia e amore per il calcio. Edizione illustrata da alcuni disegni dell'artista Elisabetta Del Medico.

Link per l'acquisto: www.amazon.it

martedì 20 giugno 2017

#LE6END - IL DECIMO VOLUME DELL'ALMANACCO JUVENTINO

Da qualche giorno è disponibile su Amazon, in ebook e cartaceo, il decimo volume della collana "Almanacco Juventino - Tutte le partite ufficiali della Juventus dal 1930 al 2017". 
Dopo aver scritto la storia grazie al condottiero Antonio Conte, la nuova Juventus guidata da Massimiliano Allegri ha superato se stessa, riscrivendo in tre anni record su record e vincendo sei scudetti consecutivi, impresa mai riuscita ad altra squadra di calcio in Italia. Questo decimo volume della collana "Almanacco Juventino" ne ripercorre il cammino, stagione per stagione, partita dopo partita, #finoallafine.

Link ebook: www.amazon.it
Link cartaceo: www.amazon.it

venerdì 21 aprile 2017

"JERICHO" UN RACCONTO OMAGGIO A CLIVE BARKER

Dopo alcuni anni, torno a pubblicare con una casa editrice. L'occasione è speciale, perché, come qualunque altro autore horror, anche io ho avuto tanti maestri: uno di loro è stato Clive Barker e a lui è dedicato il mio nuovo racconto pubblicato in questi giorni con "Delos Digital". Lo tovate sul sito dell'editore e su tutti gli store on-line.

Sinossi: Il cubo è in grado di prendere il controllo di chi lo possiede...La vita di Jericho, killer della malavita romana, viene stravolta dall'apparizione di una mostruosa creatura che si cela sotto le spoglie della sua ultima vittima. Chi sarà? E perché è alla ricerca di una misteriosa e antica scatola di legno che Jericho ha consegnato al suo capo?

Amazon: http://amzn.to/2pXZt35
Delos: https://www.delosstore.it/ebook/50799/jericho/
Kobo Books: https://www.kobo.com/it/it/ebook/jericho-19
i-Tunes: https://itunes.apple.com/us/book/jericho/id1228180859?mt=11