Iscriviti alla Newsletter

domenica 28 ottobre 2018

EMPOLI-JUVENTUS 1-2: LE PAGELLE


Dopo la grande partita di Manchester, altra prestazione opaca per la Juventus in Campionato. Dopo l’1-1 casalingo contro il Genoa, a Empoli i bianconeri hanno faticato ben oltre il previsto, riacciuffando la partita e vincendola soltanto grazie ai colpi da fuoriclasse di Ronaldo, autore della doppietta decisiva. D’altronde, il portoghese era stato acquistato anche per questo, per vincere le partite da solo quando la squadra non gira, e la prova di ieri ne è stata la dimostrazione. Archiviato il calcio-spettacolo di Champions, ci siamo ritrovati a vedere una Juve lenta, impacciata e distratta, capace di perdere palloni in ogni parte del campo. Dopo il vantaggio dell’Empoli, i bianconeri si sono svegliati un po’ e nel secondo tempo hanno cercato di ritrovare il gioco perduto, ma la svogliatezza di molti è rimasta palese, cosicché soltanto un calcio di rigore conquistato con astuzia da Dybala e un capolavoro di Ronaldo hanno permesso di portare a casa un’importante vittoria.


LE PAGELLE:

Szczesny 6: Incolpevole sul gol, dà sicurezza alla difesa con diverse uscite alte, sbrogliando possibili mischie pericolose. Sicuro.

De Sciglio 6: Rientra dopo l’infortunio, ma non ha la spinta di Cancelo, ormai diventata troppo importante per lo sviluppo della manovra juventina. Attento in difesa, riesce anche a mettere diversi cross in area. Diligente. Dal 90' Barzagli SV: Come al solito, entra per dare respiro ai compagni di reparto e fa il suo dovere.

Bonucci 6.5: Senza Chiellini, tocca a lui fare il leader difensivo, ma il confronto con lo sgusciante Caputo lo mette diverse volte in difficoltà, ma è autore di una chiusura decisiva a pochi passi dalla porta bianconera. Attento.

Rugani 6: Finalmente parte titolare dopo diverso tempo, ha bisogno di tempo per carburare e torna ai suoi livelli soprattutto nel secondo tempo, quando anche la squadra si dà una svegliata. Ritrovato.

Alex Sandro 6.5: Per gran parte del match è il migliore in campo, ma è protagonista negativo della ripartenza che porta al gol dell’Empoli. Spinge tanto, diventa vero uomo assist e va vicino al gol un paio di volte da calcio d’angolo. Ficcante.

Bentancur 5.5: Nel primo tempo è un disastro, perde innumerevoli palloni, sembra il cugino scarso del giocatore ammirato nelle ultime uscite. Cresce, con tutta la squadra, nel secondo tempo e torna a essere una diga davanti alla difesa. Altalenante.

Pjanic 6: Non è quello di Manchester e si vede, fa il compitino distribuendo palloni, ma non gli riesce mai il guizzo decisivo. Colpisce, comunque, la traversa che sancisce la voglia di rimonta della Juventus. Scolastico. Dall’80’ Douglas Costa SV: Entra quando la squadra vuole controllare il risultato e non ha occasioni per mettersi in mostra.

Matuidi 6.5: Corre per tre come sempre, ma quando non è assistito dai compagni di reparto, fa fatica a stare dietro a tutti gli avversari, come nel caso del gol empolese. È, comunque, sempre l’ultimo ad arrendersi e ha il merito di passare la palla a Ronaldo nell’occasione del 1-2. Generoso.

Bernardeschi 5: L’ottimo avvio di stagione sembra lontano, a Empoli abbiamo visto un giocatore confuso e fuori dagli schemi della squadra. Anche lui perde tanti palloni e non entra mai nel vivo delle azioni, intestardendosi, spesso, in inutili dribbling. Rimandato. Dal 66' Cuadrado 6: Dà la vivacità che non aveva dato Bernardeschi e porta quell'imprevedibilità che mette in ansia la difesa avversaria. Scattante.

Dybala 7: Ormai è uno dei leader e ieri anche Capitano al posto di Chiellini. Gioca a tutto campo, offrendo palloni a chiunque e, ogni tanto, provando l’offensiva solitaria. È prontissimo ad approfittare dell’ingenuità di un avversario e si guadagna il rigore del pareggio. Nel finale, stanchissimo, fatica a gestire la palla, ma è sempre il primo a pressare i giocatori dell’Empoli. Ovunque.

Cristiano Ronaldo 7.5: Nonostante un primo tempo da “Chi l’ha visto”, nella ripresa decide di vincere la partita e ci riesce grazie a un rigore da manuale e a una fucilata da fuori area che manda la palla sotto l’incrocio dei pali. Entra ed esce dal match a suo piacimento. Decisivo.

Nessun commento:

Posta un commento