Iscriviti alla Newsletter

martedì 17 gennaio 2017

IL NUOVO LOGO E LA JUVE DEL FUTURO

Da oggi la Juventus ha un nuovo logo. Un po’ a sorpresa, quasi un coup de théâtre, con cui la società ha, forse, voluto dare una prova di forza dopo la bruciante sconfitta di Firenze e le tante voci, più o meno velenose, venute fuori nelle ore successive. Secondo il comunicato stampa, «la nuova identità sviluppata da Interbrand cattura il DNA dell’estetica Juventus e la scolpisce nelle linee taglienti di un segno forte, iconico ed essenziale, capace di imporsi da protagonista in qualsiasi contesto e su qualsiasi interfaccia. Il nuovo logo rappresenta in modo immediato e inconfondibile Juventus nella sua essenza: la J del nome, le strisce della maglia, lo scudetto della vittoria». 
Tutte belle parole, sì, ma a noi tifosi, a noi studiosi della Juve e della juventinità, cosa ci trasmette questa nuova grafica? Passando sopra, con qualche difficoltà, al nome della società a cui è stato affidato il progetto, personalmente non mi entusiasma, soprattutto perché ci vedo una netta presa di distanza dal mondo del calcio e dello sport, a favore di una globalizzazione “marchettizzante” della Juventus. L’obiettivo, nemmeno tanto nascosto, sembra quello di voler trasformare la società in un brand mondiale alla stregua di un qualsiasi marchio di moda, ma se era proprio ciò che ci chiedeva il mercato, siamo sicuri che non si poteva fare di meglio? Va bene la “J”, l’immagine speculare dello scudetto, l’omaggio, un po’ stiracchiato, all’Avvocato, ma guardando questo nuovo logo la prima sensazione è di freddezza ed eccessiva modernità. Lo sappiamo, il calcio è anche, e soprattutto, sentimento; il tifo, come dice la stessa parola, è una malattia, e i due concetti sono molto, troppo, lontani da questa sorta di opera di arte moderna e minimalista che è il nuovo logo. Che fine ha fatto il calore che trasmetteva quello scudo bianconero pronto a ogni battaglia? Se l’addio al toro imbizzarrito, simbolo di Torino, potrebbe essere comprensibile, visto la natura nazionale della Juventus che può contare tifosi in ogni angolo del nostro Paese, il passaggio dal calore del vecchio logo alla freddezza di questo nuovo, è un colpo al cuore, soprattutto per chi la Juve la segue fin da quando era un bambino.
La mia sensazione è che questa scelta, se giusta in ottica finanziaria e politica, potrebbe portare non poche conseguenze al senso di appartenenza che da sempre ha caratterizzato le squadre di calcio. È un passo verso il futuro, ma potrebbe anche essere un passo indietro nel rapporto tra società e tifosi, perché nessuno vuol vedere trasformata la Vecchia Signora in una qualunque industria mangia-soldi. Perché non prendere esempio dai loghi di alcune squadre molto più avanti di noi, come il Bayern Monaco, il Barcellona, il Real Madrid? Pur trasformandosi in multinazionali, hanno mantenuto una chiara appartenenza al mondo del calcio: quello dei tedeschi è rotondo, al centro c’è una palla colorata; anche quello del Real è rotondo, con la corona e le lettere del club che si incrociano; e quello del Barcellona, addirittura, è uno scudetto con una palla vecchio stile al centro. Perché, invece, la Juventus ha voluto rompere così nettamente con il mondo del calcio?
In rete, naturalmente, si sono scatenate reazioni di ogni tipo, a favore e contro il nuovo logo, ma il quesito principale rimane uno: che futuro avrà la nostra Juventus?

Nessun commento:

Posta un commento